Tronchetto di Natale

INGREDIENTI PER IL PAN DI SPAGNA 

  • 5 uova a temperatura ambiente
  • 150 gr di farina 1
  • 150 di zucchero semolato

INGREDIENTI PER LA CREMA AL MASCARPONE 

  • 400 gr di mascarpone
  • 3 uova
  • 6 cucchiai di zucchero semolato

INGREDIENTI IN AGGIUNTA

  • La dose di un caffè lungo 
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • Cacao amaro a piacimento

PROCEDIMENTO

Iniziamo preparando la crema.

Separiamo i tuorli dagli albumi e montiamo questi ultimi a neve ferma.

In un’altra terrina montare i tuorli con lo zucchero, finché non diventa un composto spumoso. 

Aggiungiamo il mascarpone e proseguiamo con le fruste per amalgamare gli ingredienti.

Una volta terminato, aggiungere gli albumi montati a neve, facendo dei movimenti delicati per non smontare il composto.

Lasciamo riposare in frigo in un contenitore ermetico.

Proseguiamo con la preparazione del Pan di spagna.

Separiamo nuovamente i tuorli dagli albumi.

Quindi montiamo gli albumi sempre a neve ferma.

In un’altra ciotola montiamo i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. 

Incorporiamo gli albumi con i tuorli delicatamente.

Al suo interno setacciamo la farina a più riprese, per non pesare sul composto soffice.

Consiglio di mescolare con movimenti dal basso verso l’alto e con un leccapentola.

Una volta ben amalgamati tutti gli ingredienti, versiamo il composto su una placca rivestita di carta forno, livellando bene in modo da distribuirlo omogeneamente, su tutto lo spazio a nostra disposizione.

Inforniamo a 170° ventilato per almeno 10 minuti.

Dobbiamo ottenere un Pan di Spagna ben dorato.

Una volta sfornato, lo capovolgiamo su un panno spolverato di zucchero a velo.

Stacchiamo con attenzione la carta da forno e lo arrotoliamo comprendendo il panno.

Lasciamolo raffreddare. 

Una volta freddato, tiriamo fuori dal frigo la crema fatta all’inizio.

Srotoliamo adagio il rotolo, imbevendolo con il caffè, spalmiamo la crema e per finire, spolveriamo il cacao amaro.

Arrotoliamo nuovamente, posizionando la chiusura verso il basso in modo che non sia visibile.

Tagliamo l’estremità di 3/4 cm in diagonale, posizionandola al lato del tronco principale e che sia ben aderente ad esso.

Con un spatola ricopriamo il dolce con la restante crema in modo uniforme.

Con le punte di una forchetta, creiamo l’effetto tratteggiato e ondulato, in modo da dare un’impressione realistica.

Concludiamo con una bella spolverata di cacao.

Il dolce resterà in frigo prima di essere servito.

Mi piace l’idea di cambiare dolce ogni Natale.

Il tronchetto è così soffice, dolce, raffinato e scenico da rendere immediatamente allegra l’atmosfera attorno alla tavola, per questo si chiama tronchetto della felicità.

Oltre ad arricchirlo di decori, vi consiglio, per dare un tocco di originalità, di arrotolare con un nastro un foglio di carta, con scritto il significato di questo dolce tipico nordico e, se ve la sentite, di esprimere un vostro pensiero riguardo all’unione che godrete nel giorno di Natale.

Potreste partire così…

…Un tempo, quando ancora non esisteva il benessere che abbiamo oggi,

 le famiglie si riunivano davanti al camino per la veglia di Natale.

I bimbi cantavano canzoni natalizie, mentre i più anziani, raccontavano storie fantastiche, riscaldandosi dal calore del fuoco e guardando bruciare quell’enorme ceppo di legno.

Tale tronco veniva scelto accuratamente.

Doveva essere solido dato che avrebbe dovuto bruciare per tutta la notte.

Veniva inoltre decorato con nastri e addobbi, per poi essere benedetto con l’acqua santa.

L’accensione del fuoco, doveva essere fatta dal componente più giovane e da quello più vecchio, le ceneri, venivano conservate per proteggere la sacralità della casa.

Oggi noi lo portiamo in tavola come simbolo della nostra unione, condividendolo tutti assieme.

Augurandoci… *riponi il tuo più grande augurio per questo Natale speciale*