Torta Susanna

INGREDIENTI PER LA BASE

  • 300 gr di farina
  • 125 gr di burro da frigo
  • 1 uovo e 1 tuorlo
  • 150 gr di zucchero
  • ⅓  di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale

INGREDIENTI PER LA FARCITURA

  • 500 gr di ricotta fresca
  • 150 gr di zucchero
  • 4 uova
  • 1 bustina di vanillina

INGREDIENTI PER LA GANACHE AL CIOCCOLATO

  • 100 ml di latte
  • 150 gr di cioccolato fondente 70 %
  • 1 cucchiaino di miele

INGREDIENTI PER LA DECORAZIONE

  • lamponi
  • fragole
  • banana
  • nocciole
  • pistacchi
  • foglie di menta fresca

PROCEDIMENTO DELLA PASTA FROLLA

In una ciotola lavoriamo con una forchetta il burro fatto a pezzetti con lo zucchero.
Inizialmente faremo un po’ di fatica, ma continuando a mescolare il composto si ammorbidirà piano piano.
Uniamo uovo tuorlo, sale, lievito e farina.
Impastiamo con le mani omogeneizzando la frolla.
Appallottoliamo e mettiamo a riposare in frigo per un’oretta.

Per contenere la torta consiglio di utilizzare una tortiera a cerniera, in modo che l’estrazione a fine cottura risulti più comoda.

Passato il tempo di riposo, riprendiamo la frolla ed ammorbidiamola con le mani.
Successivamente, su un piano da lavoro, tiriamola fino ad uno spessore di 3mm, sporcando di farina se dovesse risultare morbida.

A questo punto prendiamo la base della tortiera e posizioniamola al centro della pasta frolla.
Facciamo una leggera pressione per ricavare il “disco” che farà da basamento.
Utilizziamo il resto della pasta per creare le sponde (che dovranno essere piuttosto alte).

Imburriamo la tortiera e componiamo la base e le sponde.
Bucherelliamo con le punte di una forchetta, copriamola con la pellicola da cucina e riponiamola in frigo.

PROCEDIMENTO DELLA FARCIA

Accendiamo il forno a 180°.

In una ciotola capiente mescoliamo con una forchetta la ricotta fresca ed i tuorli.
Aggiungiamo al composto lo zucchero e la vanillina e continuiamo a mescolare.

In un’altra ciotola montiamo a neve gli albumi con delle gocce di succo di limone.

Uniamo i due composti mescolandoli con un leccapentola facendo dei movimenti dal basso verso l’alto per evitare di smontare il tutto.
In questa fase è importante mantenere la giusta spumosità, non preoccupiamoci quindi troppo se il composto non è perfettamente amalgamato.

Estraiamo la tortiera con la frolla e distribuiamo la farcia in modo uniforme.
Aggiustiamo ora i bordi delle sponde in modo che contengano al meglio la farcia.

Inforniamo per 40/45 minuti circa fino a quando la frolla e la superficie della farcia saranno dorate.

PROCEDIMENTO DELLA GANACHE

Mentre la torta cuoce in forno prepariamo la ganache al cioccolato.

Inseriamo latte e miele un pentolino antiaderente.
Creiamo delle scaglie di cioccolato fondente con un coltello e tuffiamole nel pentolino appena prima dell’ebollizione del latte.
Abbassiamo il fuoco al minimo e continuiamo a mescolare per amalgamare.

Trasferiamo ora la ganache al cioccolato all’interno di un contenitore e ricopriamola con una pellicola a stretto contatto.

Questo passaggio serve per mantenere la cremosità della ganache ed evitare la formazione di una pellicola superficiale.

Lasciamo intiepidire fuori dal frigo.

Sforniamo la torta e lasciamola raffreddare all’interno della tortiera.

Apriamo la cerniera e, nel caso la farcia si fosse gonfiata, tagliamola con un coltellino ben affilato per pareggiarla al livello delle sponde della tortiera.

A questo punto versiamo in modo uniforme la ganache al cioccolato.
Decoriamo immediatamente, personalizzando a fantasia con frutta fresca e secca.

Questo dolce si conserva in frigorifero e va consumato entro 2 giorni.

La torta Susanna è un dolce tipico di Parma, non esiste parmense che non la conosca!
Questa ricetta veniva preparata dalle nonne per tutta la famiglia ed in molti ne custodiscono segretamente il procedimento.
Fortunatamente ho incontrato una signora che me ne ha fatto dono e, siccome tra me e voi non ci sono segreti, ve la condivido volentieri. 

È uno dei miei pochi cavalli di battaglia, e negli anni l’ho proposta in varie versioni.
Siccome l’ho abbinata a vari tipi di marmellate, in qualche occasione è stata addirittura scambiata per una cheesecake, ma non dimenticate mai che la ricetta originale prevede unicamente cioccolato fondente. 

Lo trovo un dolce intramontabile e ricco di godimento.

Oggi voglio dedicare questa torta a tutte le mamme del mondo.
In primis alla mia a cui, nonostante io sia ormai una donna, non smetterò mai di rendere grazie.

Grazie per avermi desiderata.
Grazie per avermi accolta e custodita nel tuo grembo.
Grazie per avermi dato un nome e per avermi riconosciuta come figlia.
Grazie per aver mantenuto sempre la lucidità delle tue azioni nei miei confronti, evitando di offendermi fisicamente ed emotivamente.
Grazie per avermi sopportata sebbene fossi una piagnucolona e perennemente aggrappata a te.
Grazie dei principi e dell’insegnamento che mi hai trasmesso.
Grazie per aver colmato di amore che, qualcun altro non riusciva a liberare.
Grazie per avermi difesa.
Grazie per aver ascoltato i miei sfoghi, amarezze e nervosismi.
Grazie della disponibilità verso il prossimo e della tua santa pazienza in tutto.
Grazie per non esserti mai svegliata con la luna storta.
Grazie per il tuo altruismo, mettendo sempre e ripeto SEMPRE in primo piano la tua famiglia.
Grazie per avermi insegnato a sviluppare sensibilità ed umanità.
Grazie per essere la più forte della famiglia, facendomi comprendere qual è la vera forza.
Grazie per esserti sacrificata.
Grazie per esserti fatta coraggio nei momenti di buio totale.
Grazie per avermi fatto anche da amica.
Grazie delle preghiere che diffondi, so di essere nella tua lista di persone bisognose.
Grazie per non essere la classica “super mamma” ma di essere “super” a modo tuo.
Grazie per essere trasparente e spontanea a tal punto da scontrarsi e litigare a fin di bene.
Grazie per accettarmi così come sono.
Grazie per essere la mia vicina di casa.
Grazie per chiamarmi ancora “la me butina” o “passerotto” perchè, nonostante io abbia preso il volo ormai da tempo, dentro di te, in un posto profondo, senti ancora quel legame viscerale, quel senso materno che ogni mamma sentirà per l’eternità.
Il mio grazie per te sarà sempre autentico.

Quando penso al ruolo di madre rifletto spesso sulle grandi opportunità che esso comporta.
Opportunità di evolvere, di crescere su molti livelli, di donare e ricevere, di essere perennemente alla prova, di dare il meglio per evitare di ripetere errori e trasformarli in punti di forza; ma soprattutto penso alla sensazione che si prova a generare vita.
Molte volte mi sento avvolta dal profumo di maternità.
Mi capita di immaginare come potrei e vorrei esserlo, oppure lo sogno, altre ancora mi sembra una sensazione quasi reale.
Guardo me e mio marito, domandandomi come potrebbe essere la nostra vita se fossimo più di due.
È come se ci vedessi dall’alto, al mattino nel nostro lettone, durante gli impegni del giorno, a tavola mentre mangiamo, quando giochiamo e prima di addormentarci.
Mi domando se saremmo in grado di restare gli stessi di sempre, solo con qualche sfumatura in più, o se addirittura potremmo essere anche migliori di quanto siamo adesso, chi lo sà…
…Non so cosa ci riserverà il futuro, ma so che finchè respirerò, nessuno mi impedirà mai di fantasticare e di sentire questa sensazione, a modo mio.

A chi è mamma,
a chi sta per diventarlo,
a chi ci sta pensando,
a chi non potrà avere questo privilegio, ma è come se lo sentisse dentro,
a tutte voi che siete parte di questo meraviglioso progetto.

Auguri!