Torta salata alle biete colorate

INGREDIENTI

  • 1 rotolo di pasta brisè
  • un mazzo di biete colorate e fresche
  • 230 gr di ceci precotti
  • 150 gr di porro
  • olio extravergine di oliva
  • uno spicchio d’aglio
  • sale
  • pepe

PROCEDIMENTO

Laviamo con cura le biete eliminando, se necessario, le parti guaste del gambo.
Cuociamole a vapore per 5 minuti

Ho preferito la cottura a vapore in modo da trattenere le proprietà nutritive contenute nelle foglie del vegetale.
in qualsiasi caso andrà bene anche la bollitura.

Una volta cotte le scoliamo e le lasciamo raffreddare.

Nel frattempo in una padella facciamo soffriggere l’olio con lo spicchio d’aglio.
Curiamo il porro e, dopo averlo tagliato a fette, inseriamolo in padella aggiungendo sale e pepe.
A fuoco medio basso, lasciamolo appassire con l’aiuto di un coperchio, ed a fine cottura aggiungiamo i ceci lasciando che si insaporiscano per qualche minuto.
Trasferiamo il contenuto della padella in un mixer riducendo tutto ad una sorta di crema.

Accendiamo il forno ventilato a 175°

Prendiamo la pasta brisè, apriamola ed adagiamolo su di una tortiera.
Bucherelliamo la superficie con i rebbi di una forchetta e farciamo la base con la crema precedentemente ottenuta.
Di seguito disponiamo le biete creando una spirale alternando i colori dei gambi.

Arrotoliamo i bordi della pasta ed inforniamo fino a doratura, occorreranno all’incirca 20/25 minuti.

N.B. Se voleste realizzare anche la base della torta salata, vi lascio il link di una pasta integrale, sottile, leggera e vegana

Penso che un’ottima cuoca sia colei che ha delle buone basi sulla cucina e, partendo da queste conoscenze, sviluppa grandi piatti.
Ecco, non è certo il mio caso anzi, la maggior parte delle volte cucino senza utilizzare tecniche speciali.
Ciò che credo differenzi la mia cucina è che se non altro esco dai confini.
Lo faccio con tanta fantasia e voglia di impiegare materie prime che ho a disposizione, evitando sprechi.

In questa settimana di blocco dal lavoro ho impiegato parte del mio tempo per recuperare le energie stando all’aria aperta in campagna dedicandomi all’orto, ma anche alla famiglia, alla casa, a me stessa ed ai miei pensieri.

L’unica cosa di cui sento la mancanza è di non poter uscire personalmente per fare la spesa. Per ovviare a ciò ho dovuto chiedere gentilmente alla mia vicina di casa, mia madre e, per non darle troppo carico, ho deciso di chiederle di prendere lo stretto, e dico stretto, necessario.
Avevo più di una ricetta da decidere per questa settimana ma stamane, quando ho raccolto le biete dall’orto, mi è venuta l’ispirazione di questa torta salata vegetariana.

Fatalità avevo della pasta brisè già pronta in frigo serviva solamente farcirla, ma con cosa?
Niente ricotta, nessun altro tipo di formaggio, niente affettati, ‘na tristezza!
Riapro il frigo e trovo gli ultimi porri dell’orto che avevo conservato.
Si, potrebbero andare, ma cosa metto per legare il ripieno?
Mi dico: i ceci! di certo quelli non mancano mai nella dispensa di un’ex vegetariana.

E così eccomi a ribaltare i programmi riaffermando che, soprattutto nella quotidianità, è possibile improvvisare una ricetta facendone uscire un piatto creativo e gustoso allo stesso tempo.