Goduria di rape rosse

INGREDIENTI

  • 400/500g di rape rosse crude
  • 1 patata dolce di media grandezza
  • 4 cm di porro/scalogno/cipolla
  • 400 ml di acqua
  • formaggio caprino/yogurt greco/stracchino/philadelphia
  • aglio in polvere
  • olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaino di miso di riso/insaporitore/sale
  • pepe
  • erba cipollina
  • striscioline di porro
  • farina
  • olio di semi

PROCEDIMENTO

Puliamo e tagliamo il porro a pezzi, tenendone da parte un po’ per la decorazione.

Inseriamolo in una pentola fonda facendolo soffriggere con un filo d’olio.

Nel frattempo peliamo e tagliamo a quadrotti di circa 2 cm la patata dolce e le rape.

Aggiungiamo gli ortaggi al soffritto mescolando bene ed aggiungiamo l’insaporitore o il sale (nel caso non volessi utilizzare il miso di riso).

Lasciamo cuocere per circa 30 minuti a fuoco moderato.

Una volta trascorso questo tempo è arrivato il momento di inserire il miso, mi raccomando di aggiungerlo a fuoco spento!

Frulliamo il tutto con un frullatore ad immersione (minipimer).

Ora prendiamo il porro precedentemente accantonato. Lo tagliamo a fettine sottili e lo infariniamo con un pò di farina.

Scaldiamo una padella antiaderente aggiungendo un filo d’olio e, una volta calda, tuffiamoci il porro mescolandolo per farlo dorare a fiamma viva.

Spegniamo il fuoco, ed impiattiamo la nostra vellutata di rape rosse con il formaggio spalmabile, le striscioline di porro, l’erba cipollina ed un goccio di buon olio.

CURIOSITà

Rapa rossa:

  • essendo ricca di zuccheri è adorata dagli amanti dei sapori dolci, pur essendo poco calorica
  • contiene fibre e molta acqua, vitamine del gruppo B e C e sali minerali
  • è inoltre diuretica, rinfrescante, rimineralizzante, antiossidante ed aiuta il microcircolo.

Miso:

  • è un alimento fermentato usato molto dai giapponesi ed utilizzato nella cucina macrobiotica
  • viene ottenuto dalla fermentazione di fagioli di soia e sale marino, ma possono essere aggiunti anche orzo o riso.
    Per questa ricetta ho utilizzato quello di riso
  • contiene inoltre proteine vegetali e fornisce otto amminoacidi essenziali
  • con ha grassi ed è ricco di sali minerali
  • combatte l’acidità del sangue e arricchisce la flora batterica
  • essendo un prodotto fermentato stimola la digestione e rafforza le pareti intestinali
  • io lo utilizzo molto nelle zuppe, vellutate e tutte le pietanze liquide
  • fai attenzione a non farlo bollire per non perdere i benefici dati dai ferimenti
  • ti consiglio di aggiungerlo sempre a fine cottura.

Non avete idea dell’entusiasmo che genera in me il colore delle rape, è davvero irresistibile!

Le ho sempre adorate, fin da piccolina quando mia mamma ce le serviva a tavola come contorno.

Prendeva quelle già cotte e sottovuoto, le tagliava a dischi e le condiva con olio, sale e pepe.

Semplici ma uniche.

Ne ero attratta non solo dal gusto, ma anche per la colorazione dei denti dopo averle mangiate.

Non a caso è stato il primo ortaggio che ho segnato sulla lista delle cose da piantare nell’orto.

Ho assistito con grande soddisfazione alla loro crescita nella raccolta primaverile ed anche autunnale.