Ghirlanda salata di pan brioche

INGREDIENTI PER L’IMPASTO

  • 350 gr di farina di tipo 1
  • 200 gr di farina 0
  • 10 gr di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di miele o malto d’orzo
  • 250 gr di latte tiepido
  • 1 uovo intero
  • 30 gr di olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaino colmo di sale fino

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

  • 250 gr di pisellini freschi o congelati
  • 200 gr di scamorza dolce
  • metà cipolla di medie dimensioni/5 cm di porro
  • paprika affumicata
  • sale
  • pepe
  • foglioline di menta fresca

FINITURA

  • olio extravergine di oliva
  • semini vari (sesamo bianchi, neri, chia, papavero, girasole)

PROCEDIMENTO

Nella ciotola sciogliamo il lievito di birra e il miele con il latte tiepido.

Uniamo le farine e iniziamo ad impastare aggiungendo gradualmente il sale.
Inseriamo man mano gli ingredienti restanti come l’olio e l’uovo, impastando con energia per creare una certa consistenza.

È possibile creare la base dell’impasto sia manualmente che con un’impastatrice.

Una volta ottenuto un bel panetto tondeggiante, ungiamolo leggermente con dell’olio e posizioniamolo su un piano da lavoro coperto da una grande ciotola.
Facciamo riposare almeno 2 orette.

Nel frattempo occupiamoci del ripieno sminuzzando la cipolla e facendola soffriggere con dell’olio in una padella.
Aggiungiamo i pisellini rosolandoli a fuoco vivace per un paio di minuti.
Di seguito aggiungiamo sale, pepe e la paprika affumicata, terminando la cottura a fuoco moderato.
Tagliamo le foglioline di menta ed inseriamole una volta spento il fuoco, lasciando smorzare il calore.
Su un tagliere tritiamo la scamorza incorporandola ai pisellini raffreddati.

Terminato il tempo di riposo dell’impasto, senza smontarlo, dividiamolo in 3 blocchi di simili dimensioni.
Infariniamo il piano di lavoro, prendiamo un mattarello e lavoriamo ciascun blocco allo stesso modo.
Tiriamolo in larghezza (circa 8/10cm) e in lunghezza (prendiamo come riferimento di misura la diagonale della placca forno).
Distribuiamo il ripieno al centro di ogni blocco, chiudendolo con entrambi i lati di pasta; sigilliamoli su tutta la lunghezza ed alle estremità, per evitare di far fuoriuscire il ripieno.
Ci ritroveremo quindi con 3 filoni lunghi e ripieni.
Adagiamoli lungo la diagonale della placca e creiamo una treccia, chiudendola per dare un effetto tondeggiante.
Posizioniamo al centro della ghirlanda una ciotolina per evitare che la lievitazione occupi lo spazio centrale.
Spennelliamola con dell’olio e decoriamo con i semini che recuperiamo dalla nostra dispensa.
A questo punto accendiamo il forno ventilato, portandolo alla temperatura di 200°.
Tra l’intreccio, la finitura e l’attesa del forno, la ghirlanda continua la sua lievitazione.
Inforniamo per circa 20/30 minuti al massimo.
La crosticina diventerà dorata e profumata.

Terminata la cottura, lasciamo raffreddare.
Con un nastro di stoffa, decoriamo la ghirlanda a nostra ispirazione e serviamola al centro della tavolata, durante il pranzo di pasqua (in questo caso) o in qualsiasi altro momento di unione a tavola.

Potete inserire al centro qualche dettaglio, in modo da valorizzarla; potrebbe essere una candela, un mazzolino di fiori di campo, delle uova colorate o qualsiasi cosa vi ispiri.

Consiglio di tagliarla già a fettine mantenendo la sua forma originale così per gli ospiti non ci sarà l’imbarazzo di fare il primo passo rovinando la scenografia.

Rassicurateli dicendo loro che sarebbe uno spreco lasciarla solo come composizione, è talmente buona e fatta con amore!

Con l’occasione voglio augurarvi una buona Pasqua.

…a voi che mi riempite il cuore di gioia, stimoli ed energia.

La Pasqua è un momento di passaggio, vivete al meglio il vostro.

Alleluia!